Cerca

Ambiente: Veneto, Fai inaugura Villa Vescovi alla presenza di Galan (2)

Cultura

(Adnkronos) - Donata alla Fondazione nel 2005 da Maria Teresa Olcese e dal figlio Pierpaolo, in memoria del marito e padre Vittorio Olcese, imprenditore, uomo politico e collezionista d'arte milanese, Villa dei Vescovi e' un complesso di eccezionale importanza e dal fascino unico. Commissionata dal Vescovo di Padova, Francesco Pisani, come casa di villeggiatura e costruita tra il 1535 e il 1542, la Villa e' stata sin dall'inizio pensata dal suo curatore Alvise Cornaro, nobile veneziano, erudito e amministratore della Curia di Padova, come un luogo per coltivare le necessita' dell'intelletto, un rifugio di pace e di tranquillita' armoniosamente immerso nell'ambiente circostante. Fu sede di uno dei piu' raffinati cenacoli umanisti del Rinascimento, attiro' intellettuali e artisti e ospito' figure centrali di quel periodo, tra cui Pietro Bembo e Ruzante, del quale vennero messe in scena alcune opere proprio nella Villa. Tra gli artisti che contribuirono alla sua realizzazione, Giovanni Maria Falconetto, Giulio Romano, Andrea da Valle, Vincenzo Scamozzi e il pittore fiammingo Lambert Sustris, a cui si devono i meravigliosi affreschi del piano nobile.

Oggi, dopo un complesso restauro durato piu' di quattro anni e costato oltre 6,5 milioni di euro, il Fai apre Villa dei Vescovi al pubblico. Non solo perche' venga ammirata, ma anche perche' sia vissuta e anzi ''usata'', rinnovando cosi' un'esperienza di arricchimento interiore suscitata dal dialogo tra arte e natura.(segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog