Cerca

Cassazione: si' al danno morale per le vittime di uno stupro (3)

Cronaca

(Adnkronos) - Piu' in generale, la Cassazione ricorda che "e' noto al comune senso morale, nonche' alla disciplina incriminatrice, che nella violenza carnale la persona offesa, tanto piu' se si tratta di minore addirittura infraquattordicenne, e' contemporaneamente soggetto passivo ed oggetto di violenza e il soggetto passivo e' degradato ad oggetto".

Inoltre, spiega la Suprema Corte che "il degrado inferto dal violentatore, o dai violentatori come nel caso in questione, non attiene soltanto al corpo, ma anche alla dimensione spirituale dell'offeso, la cui persona e' dall'agente vista, nella sua 'coseita'', per cui il danneggiato da tale odioso reato si trova a vivere non solo nel momento in cui la subisce". Le ripercussioni della violenza, aggiunge ancora la Cassazione, "hanno effetti ultrattivi nell'equilibrio psico-fisico di un minore, oltre che di ogni altra, sia pure adulta, vittima".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog