Cerca

Roma: protocollo contro infiltrazioni malavitose in economia (2)

Cronaca

(Adnkronos) - Ristorazione, abbigliamento, concessionarie di auto e punti vendita in franchising per il noleggio di film sono considerati allo stato attuale, i principali settori presi di mira dalla criminalita' organizzata. Secondo il procuratore Giancarlo Capaldo non esiste un vero e proprio controllo del territorio da parte della criminalita' organizzata, tuttavia non si possono ignorare situazioni di allarme, soprattutto in alcune aree del territorio, dove vi e' la presenza di referenti delle famiglie mafiose e camorriste o di grandi investimenti conclusi dagli stessi.

In alcuni casi le organizzazioni criminali acquisiscono, anche a prezzi fuori mercato, immobili, societa' e attivita' commerciali nelle quali impiegano i capitali illecitamente acquisiti, assumendo cosi' il controllo di rilevanti attivita' commerciali e imprenditoriali attraverso le quali conseguire fonti reddito importanti e lecite. Il protocollo sancisce l'istituzione di una commissione, composta dal prefetto, dal sindaco e dal presidente della Camera di Commercio.

Roma Capitale avra' il compito di monitorare e osservare i frequenti subentri e le ripetute volture delle licenze commerciali, all'interno di ristretti archi di tempo e comunicarli tempestivamente alla prefettura, che dovra' immediatamente avviare le necessarie verifiche antimafia. Nel caso di verifica positiva da parte della prefettura e quindi di certificazione interdittiva, Roma Capitale dovra' procedere alla revoca della licenza. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog