Cerca

Energia: lavoratori, per Porto Tolle con modifica legge Parco si cambia pagina

Economia

Rovigo, 21 giu. - (Adnkronos) - ''La giunta della Regione Veneto ha trasmesso al Consiglio regionale una proposta di modifica della legge che blocca la riconversione a carbone della Centrale di Porto Tolle. Questa iniziativa riaccende uno dei motori dell'economia nazionale e la speranza di migliaia di lavoratori, dipendenti Enel e delle imprese nell'indotto. Il nostro futuro e' stato sospeso dopo lo stop che il Consiglio di Stato aveva motivato cosi': 'Finche' la Regione Veneto non riterra' di modificare la legislazione di sua competenza, deve essere applicata la legge regionale tuttora vigente secondo cui nella zona di Porto Tolle possono essere costruite esclusivamente centrali alimentate da gas naturale o da fonte alternativa di pari o minore impatto ambientale'''. Lo sottolinea Maurizio Ferro, portavoce dei lavoratori della centrale Enel di Porto Tolle.

''Per la legge del Parco si amministra l'ambiente con il confronto tra i combustibili, ma un confronto cosi', senza indicare la tecnologia adottata, non ha tecnicamente nessun senso. Oggi i riferimenti tecnici, rispetto alla legge del Parco approvata nel 1997, sono le limitazioni imposte sulle emissioni dall'Unione Europea, previste dalla normativa EU 2001/80/CE e in vigore in Italia dal 1. gennaio 2008, secondo valori che la riconversione a carbone "pulito" rispetta con emissioni ridotte alla meta' dei limiti'', spiega. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog