Cerca

Inter, la panchina è ancora un rebus. Moratti: "Il favorito non è Gasperini"

Sport

Roma, 21 giu. (Adnkronos) - Gian Piero Gasperini non è il favorito per la panchina dell'Inter. Il presidente nerazzurro Massimo Moratti archivia un'altra giornata apparentemente interlocutoria e la caccia al prossimo allenatore prosegue in attesa della fumata bianca: ''Aspettate, ve lo diremo noi'', dice Moratti rimandando rispondendo ai cronisti che, sotto gli uffici milanesi della Saras, domandano quando arriverà il momento decisivo. A chi chiede se Gian Piero Gasperini sia il favorito, il numero 1 del club replica: ''Dai, per favore. I favoriti li vedremo dopo''. La certezza è che nemmeno il 21giugno sia la giornata giusta per chiudere il discorso: ''No'', taglia corto il patron, che accantona ogni discorso relativo a Fabio Capello: ''La Federazione inglese non consente''. Inutile domandare se il prossimo allenatore sarà italiano o straniero: ''Ci arriveremo''.

Da Londra, intanto, a mezzo stampa arrivano dettagli relativi ai contatti tra l'Inter e il ct della Nazionale inglese. I colloqui ci sono stati, come dice l'avvocato Pierfilippo Capello, figlio e legale del commissario tecnico. ''Sì, ma lui resterà con la Football Association'', dice al tabloid The Sun. Secondo il giornale, il tecnico di Pieris avrebbe ricevuto da Milano un'offerta per un contratto triennale e per un ingaggio complessivo di 22,5 milioni di euro netti. ''C'e' stata una proposta concreta e decisamente allettante'', dice al giornale un'anonima fonte. ''Capello è stato tentato, ma ha deciso di rimanere fedele e rispettare la scadenza del contratto'' che lega il ct alla Football Association fino al 2012. ''Si è reso conto di essere in debito con l'Inghilterra -aggiunge la fonte-. Magari l'Inter tornera' a farsi avanti tra un anno''. Quando, cioè, Capello avrà concluso il proprio ciclo 'made in England' con la fase finale degli Europei, a cui la selezione dei 3 leoni deve ancora approdare. Dalla Football Association, intanto, si limitano a far sapere: ''Non siamo stati contattati dall'Inter, pensiamo che Fabio resterà''.

Capello rimane a Londra e nella City si prepara a sbarcare un altro pezzo grosso del mercato. André Villas Boas, nuovo profeta delle panchine, si appresta a chiudere il matrimonio con il Porto dopo un solo anno. Il 33enne ex braccio destro di José Mourinho è pronto a cominciare l'avventura con il Chelsea. Potrà farlo quando i 'dragoes', con cui ha vinto tutto nella stagione 2010-2011, riceveranno sul proprio conto la somma di 15 milioni di euro necessaria per sbloccare l'affare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog