Cerca

Roma: Belviso, chiusura Marchetti nuovo risultato piano nomadi (2)

Cronaca

(Adnkronos) - ''A 40 persone, tutte appartenenti allo stesso nucleo famigliare, e' stata offerta -aggiunge Belviso- una sistemazione presso il centro di via Salaria come soluzione provvisoria, per poi essere successivamente ricollocati all'interno di un campo attrezzato. Cio' si e' reso necessario dopo che la famiglia bosniaca vinse nel 2002, durante il governo dell'allora Giunta di centrosinistra, il ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo a seguito di un'espulsione dal territorio italiano, poi ritenuta illegittima dalla Corte stessa. Anche in questo caso, dopo aver inizialmente accettato la proposta dell'amministrazione, e' stata poi rifiutata. Spiace dunque constatare che da parte delle madri non ci sia il senso di responsabilita' nell'accudimento e nella tutela dei propri figli, primo tra i doveri di ogni genitore coscienzioso''.

''Per 5 minori trovati da soli -continua Belviso- e' stato necessario applicare l'art. 403 del codice civile che prevede la messa in sicurezza e l'affidamento ai servizi sociali. L'attivita' di indagine portata avanti dalla Questura di Roma ha consentito il fermo di 2 donne, sulle quali pendeva un mandato di cattura internazionale per gravi reati commessi fuori dal territorio nazionale, le quali sono state condotte presso l'Ufficio Immigrazione di via Patini per gli accertamenti di rito». «Con la chiusura e la successiva bonifica del campo di via Marchetti -conclude Belviso- prosegue l'attivita' operativa del Piano Nomadi capitolino che pone come obiettivi indispensabili della sua azione, il ripristino della legalita' e la restituzione di aree degradate alla cittadinanza senza tralasciare l'accoglienza e l'integrazione, presupposti necessari per il pieno completamento del piano stesso. I prossimi campi che verranno chiusi saranno: Tor de Cenci, Baiardo e Monachina''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog