Cerca

Sicilia: Legambiente, isola al top classifica cemento illegale

Cronaca

Palermo, 22 giu. - (Adnkronos) - "Tra vecchio e nuovo abusivismo diffuso, ecomostri storici e qualche, ancora troppo timido, segnale positivo legato a sporadiche demolizioni, la Sicilia si conferma al top della classifica del cemento illegale in Italia". Lo dice Mimmo Fontana, presidente regionale di Legambiente Sicilia, che aggiunge: "Interi litorali sacrificati allo scempio dell'edilizia fuorilegge, scheletri che da decenni fanno orribile mostra di se' su alcune delle spiagge piu' belle dell'Isola, come quello alla Scala dei turchi, villini non finiti nelle aree archeologiche di Selinunte e della Valle dei Templi, piccole isole uniche al mondo devastate da centinaia di seconde case abusive, come a Lampedusa".

L'associazione punta il dito su un sindaco appena rieletto, che ha deciso di "intestarsi la battaglia degli abusivi". Succede a Campobello di Mazara, in provincia di Trapani, dove il primo cittadino Ciro Carava' in campagna elettorale ha promesso solennemente che avrebbe salvato una volta per sempre le 800 case che campeggiano lungomare. "La sua ferma volonta' di risolvere una volta per tutte il problema degli abusivi - denuncia Fontana - gli avrebbe permesso di riesumare dai faldoni degli uffici della Regione un decreto datato 1973. Quella carta magicamente trasformerebbe in case legali gli 800 immobili che da decenni sono considerati insanabili perche' realizzati entro i 150 metri dal mare, su cui la legge regionale del 1976 impone l'inedificabilita' assoluta". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog