Cerca

Libia: Farnesina, stop umanitario e' ipotesi di lavoro, non proposta italiana

Esteri

Roma, 22 giu. - (Adnkronos/Aki) - E' una ''ipotesi di lavoro'' e ''non una proposta italiana'' la sospensione immediata delle ostilita' per consentire corridoi umanitari in Libia, cui ha fatto riferimento il ministro degli Esteri Franco Frattini nell'audizione alla Camera di questa mattina. Lo ha chiarito il portavoce della Farnesina, Maurizio Massari, in un collegamento con la tv satellitare al-Jazeera. L'ipotesi, ha precisato, ''non mette in discussione la no-fly zone e la missione della Nato''.

''Se ci fosse un appello di organizzazioni internazionali come Unione Africana, Lega Araba, Nazioni Unite e Unione Europea per consentire gli aiuti alla popolazione libica, l'Italia sarebbe pronta a prenderla in considerazione con interesse'', ha detto Massari, puntualizzando che ''ovviamente ci sarebbe bisogno del consenso dei partner della Nato'', oltre che del Consiglio nazionale di transizione (Cnt) di Bengasi.

''E' confermato il nostro pieno impegno nella missione della Nato, stiamo lavorando nella giusta direzione - ha proseguito - ma se c'e' un modo per minimizzare le vittime civili, ogni ipotesi potra' essere presa in esame''. L'ipotesi dei corridoi umanitari, infine, per Massari ''riguarderebbe aree circoscritte, come Misurata o le montagne a ovest, non si tratterebbe di mettere in discussione la no-fly zone e la missione Nato''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog