Cerca

Caso Orlandi: 'Lupo' e la pista inglese, a 28 anni da scomparsa e' ancora mistero/Il punto (8)

Cronaca

(Adnkronos) - "Emanuela e' passata per la Germania, la Francia e l'Inghilterra -afferma il presunto testimone - a Bolzano invece non e' mai passata". L'uomo rompe il silenzio soltanto dopo ventotto anni dalla scomparsa della ragazza perche' "stuzzicato" e "tirato in ballo con delle falsita'" e "a questo punto paga di deve pagare", sottolinea.

Alla richiesta di spiegazioni sul movente del sequestro da parte di Pietro Orlandi "Lupo solitario" risponde: "Devi scovare in fondo a cosa faceva tuo papa', mi dispiace Pietro, scoprirai cose che non ti piaceranno", e poi spiega che Ercole Orlandi era venuto a conoscenza di giri consistenti di denaro da "pulire"; giri legati all'Istituto Antonveneta. Secondo il presunto testimone il rapimento di Emanuela Orlandi sarebbe legato a Roberto Calvi.

Una nuova pista su cui il fratello di Emanuela, Pietro, intende fare chiarezza. Cosi' decide di partire, insieme a una troupe di 'Chi l'ha visto?', alla volta del 'Queen Elizabeth II'. Un tentativo, spiega Orlandi, per fugare ogni dubbio su questa ennesima segnalazione. Intanto, il presunto ex 007 Lupo, torna a farsi sentire. Con una nuova telefonata in tv riferisce di essere stato ascoltato dai magistrati a Bolzano come persona informata sui fatti. E di aver ricevuto minacce.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog