Cerca

Caso Orlandi: 'Lupo' e la pista inglese, a 28 anni da scomparsa e' ancora mistero/Il punto (5)

Cronaca

(Adnkronos) - Alcuni giorni piu' tardi, in un'altra telefonata, ''l'Amerikano'' chiedera' allo zio di Emanuela di rendere pubblico il messaggio contenuto sul nastro, e di informarsi presso monsignor Casaroli riguardo a un precedente colloquio. In totale, le telefonate dell''Amerikano' saranno 16, tutte da cabine telefoniche. Nonostante le richieste di vario tipo, e le presunte prove, l'uomo (che non sara' mai rintracciato) non apre nessuna reale pista da battere.

Secondo alcuni giornali, l'identikit dell''Amerikano', stilato dall'allora vicecapo del Sismi Vincenzo Parisi in una nota rimasta riservata fino al 1995, identificherebbe l'uomo con Paul Marcinkus, allora presidente dello Ior, la ''banca'' vaticana. Una circostanza che il Vaticano smenti', bollando le informazioni divulgate dalla stampa nei confronti di Marcinkus come ''infamanti'' e ''senza fondamento''.

Il 20 febbraio 2006 durante la trasmissione ''Chi l'ha visto?'', un pentito della Banda della Magliana, Antonio Mancini, sostiene di aver riconosciuto nella voce di Mario quella di un killer al servizio di Enrico De Pedis, il boss della banda della Magliana, di cui pero' non puo' fare il nome. Il mistero continuera' a ruotare intorno alla banda della Magliana. Sabrina Minardi, ex compagna di De Pedis, ascoltata dagli inquirenti da' una serie di informazioni e parla anche della morte della ragazza, il cui corpo dopo essere stato chiuso in un sacco sarebbe stato nascosto in una betoniera a Torvaianica. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog