Cerca

Cina, l'artista Weiwei scarcerato su cauzione "Evasione fiscale, ha confessato"

Esteri

Pechino, 22 giu. - (Adnkronos) - La polizia di Pechino ha scarcerato Ai Weiwei, il famoso artista cinese arrestato lo scorso aprile e da allora detenuto in localita' segreta, su cauzione. Lo rende noto la Xinhua.

Secondo quanto riporta l'agenzia ufficiale cinese, la decisione e' stata presa dai giudici "di fronte alla buona disponibilita' mostrata nel confessare i suoi crimini" e ai problemi di salute del 54enne artista e dissidente per il quale in questi mesi si era mobilitata una campagna internazionale per il suo rilascio.

L'agenzia ufficiale cinese riporta poi, per la prima volta, le accuse che avrebbero portato all'arresto il tre aprile scorso dell'artista, fermato mentre si stava per imbarcare per Hong Kong all'aeroporto di Pechino. Secondo la Xinhua una compagnia controllata da Ai avrebbe "evaso un'enorme quantita' di tasse ed avrebbe distrutto i documenti contabili". I giudici avrebbe deciso il rilascio del detenuto anche perche' Ai si sarebbe impegnato "a ripagare le tasse che ha evaso", si legge ancora nell'agenzia di stato cinese.

Alla petizione oline lanciata per la scarcerazione dell'artista hanno partecipato i principali musei e istituzioni culturali internazionali. Di fronte a queste pressioni, lo scorso 15 maggio le autorita' cinesi avevano concesso alla moglie di visitare Ai nella localita' segreta dove era detenuto per avere rassicurazioni sul suo stato di salute.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog