Cerca

Carceri: Sappe, a Milano tenta suicidio assistente capo Polizia penitenziaria

Cronaca

Roma, 22 giu. (Adnkronos) - Un assistente capo di polizia penitenziaria, in servizio presso il Gruppo operativo mobile di Milano Opera, nella tarda serata di ieri ha tentato il suicidio ed e' ora ricoverato presso l'Ospedale Fatebenefratelli di Milano, dove lotta tra la vita e la morte. Lo riferisce in una nota Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria (Sappe).

"Si e' letteralmente sconcertati per l'accaduto - commenta Capece - ed e' forte la preoccupazione per il fenomeno dei suicidi tra gli appartenenti alle forze di polizia, e alla polizia penitenziaria in particolare, ormai all'ordine del giorno. Bisogna capire e accertare quanto hanno eventualmente inciso l'attivita' lavorativa e le difficili condizioni operative del collega che ha posto in essere il tragico gesto estremo - sostiene - nonche' le problematiche connesse alla sua vita personale. La continuita' e la periodicita' con cui avvengono questi tristi eventi - aggiunge - deve fare seriamente riflettere la nostra Amministrazione, che non puo' non prendere atto delle manifestazioni piu' drammatiche e dolorose di un disagio derivante, oltre che da problematiche attribuibili alla propria sfera personale, probabilmente anche da un lavoro difficile e carico di tensioni".

"Nonostante il Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria, al fine di verificare le condizioni di disagio psico-fisico del personale, si fosse impegnato nel passato per attivare dei centri di ascolto sul disagio lavorativo e personale - ammonisce - di fatto riteniamo che ancora non sia stato fatto quanto basta per abbattere lo stress lavorativo all'interno degli istituti penitenziari", conclude.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog