Cerca

Governo: Zingaretti, antiromanita' usata per nascondere i loro fallimenti

Politica

Roma, 23 giu. - (Adnkronos) - "L'antiromanita' e' usata per nascondere un fallimento strategico. La Lega proponeva un federalismo, di cui ora, incredibilmente non parla piu', che aveva come pilastro il decentramento dei poteri verso i territori." Cosi' il presidente della Provincia Nicola Zingaretti, in un intervista a Il Messaggero, commenta le parole del viceministro ai Trasporti e alle Infrastutture Roberto Castelli che ieri aveva affermato che i romani non volevano pagare il pedaggio sul Gra perche' "culturalmente arretrati".

"E' come se per nascondere questo fallimento - aggiunge Zingaretti - Bossi e i suoi ora abbisognino di un capro espiatorio: Roma, appunto. Operazione che riveste una doppia pericolosita'. Da un lato, appunto, mette in campo un odio antiromano che peraltro penso che tra i cittadini del Nord non sia per nulla cosi' diffuso; dall'altro paralizza il Paese e nasconde dietro una cortina fumogena ideologica la paralisi dell'azione di governo".

"Pedaggi e ministeri non sono casi isolati: c'e' anche la Consob - sottolinea - i tentativi di intervento su Raidue. E' una strategia che non si nutre di soluzioni ma e' molto tradizionale della destra: l'indivifuazione di un nemico, in questo caso Roma, sul quale indirizzare gli attacchi". E per il Presidente le istituzioni finora hanno reagito bene "sono state compatte nel non minimizzare. Noi non abbiamo mai derubricato gli attachi di Bossi a operazione meramente folkloristica".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog