Cerca

Palermo: smantellato giro riciclaggio auto, donne facevano da sentinelle

Cronaca

Palermo, 23 giu. - (Adnkronos) - A fare da sentinelle per garantire la necessaria tranquillita' ai loro congiunti, impegnati a 'ripulire' le auto rubate da immettere nel mercato dell'usato sicuro erano alcune donne. E' uno dei retroscena dell'operazione condotta all'alba dalla Polizia di Palermo, che ha portato all'arresto di sei persone, accusate a vario titolo di associazione a delinquere, furto, riciclaggio e ricettazione di automezzi.

I provvedimenti giudiziari sono stati firmati dal gip Luigi Petrucci su richiesta del pm Maurizio Agnello. In carcere sono finiti: Gaetano Castelluccio, 31 anni; Giovanni Castelluccio, 54 anni; D. F. P., 47 anni, ancora ricercato,; e Pietro Di Lorenzo, 38 anni. Imposti, invece, gli arresti domiciliari a Gaetano Benfante, 45 anni, titolare di una autocarrozzeria che si occupava fra l'altro di riverniciare i mezzi, e Vincenzo Cavaliere, 45 anni, mentre la misura dell'obbligo di dimora nel Comune di residenza e' stata applicata a Cristofaro Diolosa', 40 anni, e Salvatore Diolosa', 45 anni, entrambi di di Adrano (Catania).

Secondo gli investigatori a svolgere un ruolo di primo piano nell'organizzazione erano i Castelluccio ufficialmente fornai, che si occupavano di coordinare l'attivita' utilizzando un terreno in loro possesso in via Ponticello Oneto e usando veicoli 'puliti' lasciati loro in conto vendita in quanto gestori di fatto di una rivendita di auto. L'indagine, scattata nel 2008, ha permesso cosi' di fare luce su un ampio giro di riciclaggio di vetture, motocarri ed autocarri leggeri, prima rubati e poi "ripuliti" per essere immessi sul mercato dell'usato "sicuro". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog