Cerca

Firenze: traffico in tilt su viali, Renzi 'non e' colpa pedonalizzazione'

Cronaca

Firenze, 23 giu. - (Adnkronos) - Il traffico in tilt di stamane sui viali di circonvallazione di Firenze non e' dipeso dalle modifiche alla viabilita' per la pedonalizzazione, ma per i cambiamenti dei sensi di marcia nella zona di via Il Prato e via della Scala. Lo spiega l'amministrazione comunale. Sulla vicenda, interviene su Facebook anche il sindaco Matteo Renzi: ''Problemi con il semaforo di viale Rosselli? Colpa della pedonalizzazione! Traffico alla Fortezza per Pitti Bimbo? Colpa della pedonalizzazione! Si ribalta un camion in autostrada? Colpa della pedonalizzione! Fa caldo? Colpa della pedonalizzazione - ironizza il sindaco -. Ormai la pedonalizzazione e' come Pisapia. Ma ricordatevi: la pedonalizzazione parte domani, non oggi''.

L'assessore alla Mobilita', Massimo Mattei, in una nota, spiega che ''questa mattina ci sono stati risentimenti alla circolazione cittadina, che comunque non e' mai stata bloccata sui viali di circonvallazione. Ma tutto cio' non e' dipeso dai provvedimenti legati all'istituzione delle nuove aree pedonali. Prima di tutto - spiega - e' entrata in funzione la nuova viabilita' di immissione su viale Fratelli Rosselli da via Il Prato. Una modifica disposta a tutela di automobilisti, scooteristi e soprattutto dei pedoni''.

Da questa mattina infatti i veicoli in uscita da via Il Prato possono soltanto svoltare a destra su viale Fratelli Rosselli mentre e' vietato l'attraversamento verso via delle Porte Nuove, permesso dal codice della strada ma ad alto rischio. I mezzi diretti verso via delle Porte Nuove, da stamani, devono quindi utilizzare via della Scala. Vietata invece la svolta a destra sul viale Fratelli Rosselli verso la Fortezza. ''Le pedonalizzazioni quindi non hanno nessuna responsabilita' su quello che e' accaduto questa mattina. E comunque dopo le 11 la situazione e' gradualmente tornata alla normalita''', conclude l'assessore Mattei.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog