Cerca

Roma: nasce coordinamento romano antilucciole, eventi in strada contro prosituzione

Cronaca

Roma, 23 giu. - (Adnkronos) - "Alcune realta' del territorio romano, come comitati di quartiere, associazioni cittadine ed esponenti politici locali, hanno deciso di costituire un Coordinamento Romano Antilucciole (Cra) per creare una rete di iniziative volte al contrasto del fenomeno della prostituzione e a sostegno del ddl presentato dai ministri Alfano e Carfagna introducente il reato di prostituzione in strada, inspiegabilmente fermo al Senato da piu' di due anni". Lo dichiarano in una nota Francesco Filini, assessore alle politiche sociali del Municipio IV, Lorena Vinzi, consigliera del Municipio VII, Roberto Santoro, Consigliere del Municipio V, Fulvio Giuliano, Consigliere del Municipio X, Fernando Vendetti, Consigliere del Municipio VIII, Gianluca D'Angelosante, Presidente del Comitato No degrado a Viale Marconi e Lino Proscia, rappresentante della Comunita' di Quartiere di Prati Fiscali.

"Iniziative come le passeggiate notturne per scoraggiare prostitute e clienti, le cocomerate e il karaoke in strada - hanno proseguito - saranno moltiplicate in tutti quei territori romani afflitti dalla piaga della prostituzione sotto le abitazioni. Gia' da domani sera saremo tutti presenti al Collatino nel VII Municipio per parlare con i residenti di quel quartiere costretti a subire ordinarie scene di degrado e di violenza a causa delle decine di trans che stazionano ed esercitano sotto le finestre dei cittadini. Abbiamo gia' raccolto migliaia di firme, entro il mese di luglio ci recheremo fuori al Senato e pretenderemo di consegnarle al Presidente e ai capigruppo di tutti i partiti politici."

"Invitiamo tutti gli esponenti locali e nazionali del territorio romano - hanno concluso - ad aderire al Coordinamento e farsi portavoce delle istanze dei cittadini."

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Francostars

    23 Giugno 2011 - 21:09

    Che male fanno le prostitute maggiorenni e consenzienti ed i loro clienti sulle strade, se non compiono intralcio al traffico e/o atti osceni sotto la vista pubblica? Voglio sottolineare che i clienti delle meretrici in Italia sono ben undici milioni dei quali nove milioni affezionati alle stradali che sono le più economiche di tutte. Quindi, cari politici, in considerazione del fatto che nove milioni di votanti non sono pochi e che a fare la differenza sono proprio gli elettori indecisi, OCCHIO AI VOTI!

    Report

    Rispondi

blog