Cerca

Rifiuti: de Magistris, quello che temo di piu' e' il rischio sanitario

Cronaca

Napoli, 24 giu. - (Adnkronos) - "Quello che temo di piu' e' il rischio sanitario. Bisogna raccogliere la spazzatura senza interruzione, 24 ore su 24, e avere un sito dove scaricarla. Il Comune fa la sua parte fino in fondo, tutte le nostre risorse economiche e umane sono impiegate nella battaglia dei rifiuti. Ma chiediamo al prefetto di garantire la scorta armata ai mezzi di raccolta con polizia e carabinieri, perche' i vigili urbani non bastano. E chiediamo un sito, sia esso Caivano o un altro". Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, in un'intervista a 'la Repubblica', commenta la grave emergenza rifiuti che in questi giorni si trova a gestire nel capoluogo partenopeo.

"Ereditiamo 15 anni di disastri - dice il sindaco - Ma non vogliamo restare schiacciati dall'emergenza. La mia prima delibera e' stata una rivoluzione ambientale, con l'estensione della differenziata, con isole ecologiche, con la riduzione a monte dei rifiuti. Pero' se non togliamo queste 2300 tonnellate che giacciono in strada, non possiamo partire con il ciclo ordinario".

Secondo de Magistris e' evidente, guardando "quello che il governo non ha fatto", la volonta' di diversi ambienti di lasciare Napoli sotto la spazzatura. "Perche'? - si chiede - O vogliono la vera e propria emergenza per specularci sopra politicamente, o rispondono ad altri interessi poco leciti". Ma il sindaco non rinuncia ad un messaggio di ottimismo: "dico che vinceremo la battaglia. Abbiamo la volonta' e la determinazione di andare fino in fondo. E non arretreremo di fronte a nulla".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog