Cerca

Made in Italy: Sportsystem torna a crescere, nel 2010 fatturato a 3,8 mld di euro (2)

Economia

(Adnkronos) - La percentuale export in particolare segna un + 1,5 % rispetto al 2009 raggiungendo un totale di circa 41,5 % della produzione. Mentre l'Unione Europea mantiene una quota di mercato ampliamente maggioritaria (ai primi posti Germania, Francia, Austria), si registrano buoni risultati in Russia e Cina; anche la Corea ha dato segnali di evidente interesse. Per capire verso quali Paesi puntare bisogna analizzare la situazione socio-politica e le vicende che stanno cambiando il volto di macro aree.

''Ci troviamo - continua Businaro - di fronte a vere e proprie rivoluzioni che stanno scuotendo una zona strategica per le nostre imprese: il Mediterraneo. Sarebbe miope e dannoso leggere il cambiamento che li' si sta realizzando solo alla luce di possibili conseguenze negative. Quanto accade nel Mediterraneo e nei Paesi del Golfo e' l'ennesima prova della straordinaria vitalita' del nostro tempo. Fare i conti con quanto sta accadendo in Libia, Egitto, Tunisia e Siria vuol dire anche valutare con estrema attenzione le conseguenze che ne verranno, conseguenze non solo per quelle imprese che hanno investito in quelle regioni, ma anche per il futuro dei nostri scambi commerciali e per i flussi migratori. E, tuttavia, le preoccupazioni per quanto avviene nel mondo arabo non devono nascondere l'enorme potenziale di sviluppo che ne puo' derivare. Se le rivoluzioni arabe saranno - e non e' scontato - un'occasione di crescita economica, dipendera' anche dal ruolo che sapra' svolgere l'Europa in quelle regioni''.(segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog