Cerca

Cinema: Moretti, ogni giorno leggo della fine berlusconismo ma non avviene mai

Spettacolo

Taormina, 25 giu. - (Adnkronos/Cinematografo.it) - Nanni Moretti sale ancora una volta in cattedra e stavolta lo fa nella conferenza stampa dei Nastri d'Argento, che ha avuto luogo oggi pomeriggio al Palazzo dei Congressi. Il regista, che e' arrivato a incontro in corso con la valigia in mano, ha risposto a una domanda di una giornalista che gli chiedeva cosa ne pensasse della fine del berlusconismo. ''Ogni giorno, da anni, leggo su un quotidiano - ha spiegato Moretti - che l'indomani, intorno alle 12 - 12.15, tutto questo finira', ma questo non accade mai''.

''I recenti referendum - ha continuato il regista - sono stati una vittoria dei cittadini. I risultati elettorali di Milano, Napoli, Cagliari e di diverse altre citta' italiane sono stati un successo di quei candidati a sindaco, ma anche una sconfitta della Destra in ambito nazionale e locale. In qualunque altro Paese democratico, se un presidente del Consiglio dei Ministri avesse fatto solo un millesimo di quello che ha fatto Berlusconi, sarebbe stato costretto a dimettersi dalla sua stessa coalizione. Vediamo cosa succedera' dopo l'estate. A essere generosi, Berlusconi e' una persona sempre piu' confusa. In Paesi come Germania, Spagna, Francia o Israele, solo per fare qualche esempio, non avrebbero certamente digerito neanche una piccolissima parte di quello che ha fatto il Cavaliere. Dobbiamo solo aspettare''.

Moretti ha divertito i giornalisti con la sua simpatia. Tutti, in sala, attendevano la scenografa Paola Bizzarri. Il presidente del Sindacato nazionale giornalisti cinematografici italiani, Laura Delli Colli, ha riferito che la Bizzarri era appena atterrata a Catania. Moretti ha risposto: ''Se e' ancora a Catania, possiamo fare melina''. Poi un'altra domanda: ''Hanno detto che lei e' il Woody Allen italiano. Cosa ne pensa?''. Moretti: ''Questa non l'avevo mai sentita. Dal punto di vista del ritmo certamente no, comunque mi fa piacere. E' giusto dire che lui ha girato almeno 40 film piu' di me''. In sala, per la conferenza, tra gli altri, anche Carolina Crescentini, Kim Rossi Stuart, Alessandro Preziosi e Luigi Lo Cascio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog