Cerca

Festival: a Lampedusa musica e cinema per parlare di immigrazione e ambiente

Spettacolo

Roma, 26 giu. - (Adnkronos) - Sara' un viaggio per ricreare attraverso la musica e il cinema atmosfere, sonorita', lingue e testimonianze che appartengono al Mediterraneo; per raccontare la realta' dell'oggi e di come la cultura mediterraneo-occidentale sia soggetta a forze degeneratrici che separano, invece di favorire l'incontro e la conoscenza tra popoli e culture diverse.

Questo l'obiettivo di 'Lampedusainfestival', la manifestazione giunta alla sua terza edizione, con la direzione artistica del regista Luca Vullo, che si svolgera' dal 19 al 23 luglio nell'isola siciliana. Si affronteranno temi come l'immigrazione, l'incontro con l'altro, la legalita', l'ambiente e lo sviluppo sostenibile. Molto spazio sara' dato al cinema e , in special modo, al genere documentario, inteso come nuovo mezzo di comunicazione ed informazione.

Tra le proiezioni di film fuori concorso 'sbarchera'' a Lampedusa 'Il Volo' di Wim Wenders, previsto nella serata inaugurale del 19 luglio e preceduto da un incontro con il sindaco di Riace (Rc) Domenico Lucano e con il sociologo ed economista Tornino Perna. Il 'Volo' e' il primo filmato italiano in 3D, mai distribuito nelle sale, che ha come tema centrale le positive esperienze di accoglienza che Riace ed altri paesi della Locride stanno attuando da diversi anni nei confronti di profughi politici, e che ha tra i protagonisti lo stesso sindaco di Riace, oltre a Ben Gazzara e Luca Zingaretti. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog