Cerca

Archeologia: in Trentino un'estate sulle tracce del passato

Cultura

Trento, 26 giu. - (Adnkronos) - Il Trentino e' ricchissimo di testimonianze archeologiche, che meritano di essere conosciute. E per dare modo anche al pubblico dei non addetti ai lavori di apprezzare il passato piu' remoto di questa terra, la Soprintendenza per i Beni librari archivistici e archeologici della Provincia autonoma di Trento ha messo a punto un ricco programma di iniziative estive raccolte nella pubblicazione ''ArcheoLogos - parole sull'antico''. Si tratta di quasi 50 appuntamenti rivolti ad appassionati di ogni eta', ambientati in siti di particolare fascino dove, condotti dagli esperti che ne illustreranno storia e caratteristiche, si potra' prendere parte a visite guidate, laboratori didattici, spettacoli teatrali, archeotrekking, recital e concerti.

Teatro delle iniziative, curate dai Servizi Educativi della Soprintendenza e realizzate grazie al supporto e alla collaborazione di Comuni, Aziende per il turismo, Enti e Associazioni, saranno i siti della Tridentum romana, il Museo Retico di Sanzeno e le principali aree archeologiche del Trentino. Un modo diverso dal solito per trascorrere il tempo libero nel corso dell'estate e scoprire o riscoprire luoghi poco noti sulle tracce di un sorprendente passato.

Nel sottosuolo del centro storico di Trento, vive la 'Tridentum romana', splendidum municipium, come la defini' l'imperatore Claudio nel 46 d.C. Sito simbolo e' il S.A.S.S., lo Spazio Archeologico Sotterraneo del Sas, sotto piazza Battisti, che come ormai tradizione ospita tre concerti nell'ambito della decima edizione del Festival Risonanze Armoniche. Gli appuntamenti si terranno il 14, 19 e 27 luglio, alle ore 20.45 con ingresso gratuito, e vedranno interpreti di rilievo internazionale eseguire musiche di Brahms, Mozart, Beethoven, Reinecke, oltre ad un recital del pianista e compositore Francesco Venerucci. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog