Cerca

Omicidio Meredith: Rudy domani di nuovo di fronte a Raffaele e Amanda (5)

Cronaca

(Adnkronos) - ''Non ho mai visto tanto sangue in vita mia come quel giorno - proseguiva Rudy incalzato dalle domande del giudice - Non so dire che ora fosse. L'unica cosa che posso dire e' che sono arrivato a casa di Alex alle ore 11.30 -11.45 circa. Non ho visto Meredith utilizzare il telefono quella sera. Non ho chiamato l'ambulanza perche' non avevo il mio cellulare".

"In quel momento - proseguiva Rudy - non ero lucido, avrei voluto chiamare l'ambulanza ma ero spaventato, avevo le mani e i piedi sporchi di sangue e ho iniziato a ragionare, chi mi avrebbe creduto. Il letto era fatto con un piumone rosso che copriva tutto. Ero scioccato e il motivo che mi ha spinto a lasciare la casa e' stato un rumore che ho sentito , del tipo una sedia o un tavolo spostato, proveniente dall'appartamento di sotto''.

I giudici che hanno giudicato Guede, in primo grado con rito abbreviato, in appello e in cassazione, hanno definito non credibile il racconto dell'ivoriano che per i giudici ha ucciso Meredith Kercher in concorso con Amanda Knox e Raffaele Sollecito. I tre sostengono di non conoscersi nemmeno. Non e' chiaro cosa accadra' domani nell'aula degli affreschi del tribunale di Perugia, la stessa in cui nell'aprile del 2009 Rudy si avvalse della facolta' di non rispondere. Non e' escluso neanche che siano Amanda e Raffaele a chiedere la parola prima o dopo l'eventuale testimonianza di Rudy.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog