Cerca

Beni culturali: apre al pubblico la 'Villa dei Vescovi' vicino Padova (3)

Cultura

(Adnkronos) - Il tutto apparteneva a una mensa di un certo pregio e si data alla meta' del XVI secolo. Qualche indicazione dagli scavi e' emersa infine sulla storia delle trasformazioni della Villa cinquecentesca, anche se limitatamente a cio' che e' stato possibile ricavare dalle indagini sul sottosuolo, senza l'osservazione delle murature: per esempio, la pavimentazione era in mattoni e subito al di sotto del livello attuale.

Il piano di lavoro ha previsto opere di preconsolidamento, pulitura, consolidamento e protezione, utili a conservare la fisicita' dell'intero edificio, con particolare riguardo alle superfici, alle pavimentazioni e alle decorazioni. Il complesso di Villa dei Vescovi ha cambiato il tipo di funzione per la quale e' nata, divenendo ora un luogo di promozione culturale e, nello stesso tempo, di piacevole sosta nell'ambito degli itinerari turistici del Veneto. L'intervento ha coinvolto anche i rustici, il brolo e la vigna.

Tre anni sono stati necessari per il restauro degli affreschi: un lavoro impegnativo e complesso che ha previsto una preliminare analisi storico-artistica. Il recente restauro ha messo in risalto gli straordinari colori e la raffinatezza del tratto del grande maestro fiammingo, liberando le decorazioni delle sale da uno spesso strato di polveri e nerofumo e rimuovendo i precedenti restauri eseguiti negli anni Sessanta. E' stato possibile cosi' recuperare pienamente la vividezza delle tinte originarie. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog