Cerca

Camorra: estorsioni a imprenditori nel casertano, arrestati due casalesi (5)

Cronaca

(Adnkronos) - In base a quanto emerso dall'attivita' investigativa, il camorrista era aiutato da un insospettabile, Alfonso Cirillo, operaio, incensurato ma legato da vincoli famigliari ad esponenti del clan: Sigismondo Di Puorto e Augusto Bianco. A Cirillo e' stato contestato anche il favoreggiamento aggravato dall'ex art. 7 per agevolato la latitanza di Vincenzo Schiavone avendolo ospitato per un lungo periodo presso la sua abitazione prima del suo arresto avvenuto la scorsa Pasqua mentre si trovava ricoverato in una clinica di Sant'Angelo dei Lombardi, nell'avellinese.

Dell'Aversano e Cirillo sono accusati anche di alcune estorsioni ai danni di imprenditori e commercianti di Casal di Principe. Le tre donne arrestate sono accusate di ricettazione per avere percepito gli stipendi da altri emissari del clan o dagli stessi Dell'Aversano e Cirillo. I rispettivi mariti furono arrestati nell'ambito dell'operazione 'Spartacus 3' in quanto i loro nomi risultavano nel libro mastro che conteneva l'elenco degli affiliati a cui veniva corrisposto uno stipendio. Libro mastro sequestrato dalla squadra mobile a Vincenzo Schiavone.

Per il compimento delle indagini gli investigatori hanno fatto uso di intercettazioni telefoniche e ambientali, hanno evidenziato la fondamentale importanza per la sopravvivenza del clan del pagamento degli stipendi agli affiliati e ai famigliari dei detenuti "indispensabile per prevenire defezioni -spiegano gli investigatori- e propositi di collaborazione con la giustizia in particolare da parte dei detenuti che non possono provvedere al mantenimento dei loro famigliari".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog