Cerca

Siria: Unhcr, preoccupa condizione rifugiati al confine con Libano

Esteri

Beirut, 27 giu. - (Adnkronos/Aki) - Sono circa duemila le famiglie siriane rifugiatesi nel nord del Libano per sfuggire alle violenze in corso in Siria da quando e' cominciata la ''rivoluzione siriana'' il 18 marzo a Daraa, nel sud del Paese. A dichiararlo in un'intervsta ad AKI - ADNKRONOS INTERNATIONAL e' Sara Abboud, impiegata dell'Unhcr, l'organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa dei rifugiati e che ha registrato le famiglie in base al padre. Altri dati, forniti dalle associazioni per i diritti umani, parlano di cinquemila individui rifugiati in Libano.

''La situazione al confine tra Siria e Libano si fa sempre piu' preoccupante. Nonostante la nostra presenza la gente qui ha bisogno di tutto: medicine, vestiti, cibo e coperte per la notte'', ha sottolineato la Abboud aggiungendo che ''molti dei rifugiati dormono in macchina o all'aperto e di solito fanno la spola tra Wadi Khaled e Tall Kalakh''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog