Cerca

Scuola: Pd Toscana denuncia situazione ''sempre piu' grave''

Cronaca

Firenze, 27 giu. - (Adnkronos) - Ad anno scolastico da poco concluso e ad esami di stato ancora in corso, il Pd toscano guarda gia' alla situazione che si prospettera' per la scuola dal prossimo settembre. E di fronte ai numeri dei tagli su risorse finanziarie e personale docente e non docente c'e' forte preoccupazione. In programma quindi iniziative a partire dalle feste estive ''per denunciare la situazione''.

Per il terzo anno di fila e cioe' da quando e' entrata in vigore la legge 133 del 2008, la cosiddetta riforma Gelmini, che fin da allora prevedeva 8 miliardi di euro di tagli, anche dal settembre prossimo diminuiranno i docenti e il personale Ata: in Toscana saranno oltre 900 i docenti in meno di cui 498 nella scuola primaria, 24 nella scuola media, e 392 nella superiore, mentre saranno 737 gli addetti in meno tra personale tecnico, amministrativo e bidelli. ''Tutto questo a fronte di un aumento della popolazione scolastica: il dato delle pre-iscrizioni ad oggi prevede oltre 5 mila gli alunni in piu' in Toscana rispetto allo scorso anno''.

''In una situazione del genere - dice Daniela Lastri responsabile scuola Pd Toscana - la preoccupazione e' tanta: ci saranno accorpamenti di classi, che quindi saranno sempre piu' affollate, e riduzioni di attivita' integrative e di tempo pieno, a dispetto delle richieste degli alunni e delle famiglie. Non e' piu' la scuola che abbiamo conosciuto, quella dell'articolo 34 della Costituzione, e' una scuola mortificata''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog