Cerca

Libia: Rasmussen, decisione Cpi rafforza missione Nato

Esteri

Bruxelles, 27 giu. (Adnkronos/Dpa) - I mandati di arresto spiccati dalla Corte penale internazionale indicano che per il leader libico Muammar Gheddafi, il figlio Saif al-Islam e il capo dell'intelligence di Tripoli, Abdullah al-Senussi, "il tempo sta rapidamente scadendo". Questo il giudizio del segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, per il quale "la decisione sottolinea ancora una volta il crescente isolamento del regime di Gheddafi, rafforza le ragioni della missione della Nato a protezione dei civili". Rasmussen ha inoltre sottolineato che "la Nato e' piu' determinata che mai a mantenere alta la pressione" sul regime di Tripoli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog