Cerca

Caso Ruby: l'ex della Minetti, con lei e' finita perche' mi ha mentito

Cronaca

Roma, 27 giu. - (Adnkronos) - "Ho capito che Nicole, per il suo ruolo politico, aveva funzione di filtro tra Berlusconi e quelle ragazze. Era il punto d'incontro formale. A quelle cene non sono mai stato, ma non mi scandalizza certo l'idea che potessero esserci anche giovani 'animatric'". A parlare, nella sua prima intervista esclusiva con 'Vanity Fair' - in edicola dal 29 giugno - e' Simone Giancola, da due mesi ex di Nicole Minetti, la consigliera regionale che la Procura di Milano accusa di induzione e favoreggiamento della prostituzione nel caso Ruby, in cui sono coinvolti anche Lele Mora ed Emilio Fede (l'udienza preliminare si e' svolta questa mattina, al Palazzo di Giustizia di Milano).

Nel tracciare un profilo della loro relazione dice: "Una cosa e' essere spregiudicati, ben altra e' giocare sporco. Non parlo di legalita': quelle sono cose che stabilira' il processo. Esistono anche i paletti morali delle persone perbene. Io sono stato educato a quei valori, e li ho applicati anche nella mia storia con Nicole. Sono sempre stato al suo fianco, anche quando il livello dei dubbi mi arrivava alla gola". Perche' avete rotto? "Ho avuto la prova che mi aveva mentito", risponde Giancola.

Il giovane imprenditore ripercorre la sua vicenda sentimentale: si parte da quando ha conosciuto Nicole su Facebook nel dicembre del 2009 ("Mi ha chiesto lei l'amicizia. Ho guardato le foto del suo profilo e ho subito accettato. Abbiamo cominciato a chattare e ci siamo visti la prima volta a febbraio") per arrivare alla notte del 27 maggio 2010, quando era in compagnia della Minetti e questa viene chiamata per recarsi in Questura a ''soccorrere Ruby''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog