Cerca

Musica: Biagio Antonacci al Colosseo, una notte in note per l'Unesco/Il punto (2)

Spettacolo

(Adnkronos) - "Il concerto che presentiamo oggi -spiega Giovanni Puglisi- fa diventare il Colosseo teatro di un'iniziativa positiva facendolo rivivivere attraverso la musica. L'obiettivo dell'Unesco -aggiunge- e' quello di proseguire nei progetti di alfabetizzazione culturale in tutto il mondo. Ed e' per questo motivo -sottolinea- che il ricavato viene offerto per far studiare i ragazzi e le ragazze dei paesi piu' svantaggiati". D'altra parte, evidenzia Puglisi, la funzione dell'Unesco e' proprio quella di "facilitare i legami tra gli artisti e i giovani al di la' del paese d'origine".

Quanto alla musica che Antonacci interpreta all'ombra della storia millenaria dell'Anfiteatro piu' famoso del mondo, nella scaletta c'e' spazio a canzoni che raccontano l'amore in tutte le sue declinazioni. "Al Colosseo, che e' stato anche un luogo di morte, -dice il cantautore- voglio cantare l'amore. Ed interpreto brani del mio repertorio come 'Eternita'', 'Sognami' o 'Pazzo di lei', ma anche brani tratti da altri repertori".

Su tutti, ci tiene a precisare Antonacci, spicca "il pezzo scritto da Mogol e Battisti per Bruno Lauzi 'Amore caro, amore bello'. Non ho mai cantato canzoni che non ho scritto per me - ha rivelato ancora Antonacci- ma questa e' l'occasione giusta". La musica, ha spiegato Antonacci, "sara' molto rispettosa del luogo in cui viene suonata. Sara' molto spirituale. Iniziero' la mia esibizione soltanto con chitarra e voce". Nelle intenzioni di Antonacci, il concerto e' un modo per celebrare, al Colosseo, "la magia del mio paese nelle sue tradizioni e nella sua arte". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog