Cerca

Tav: Movimento No Tav, contro di noi operazione criminale (2)

Cronaca

(Adnkronos) - ''Se per aprire un piccolo cantiere ci vogliono duemila uomini - ha aggiunto Maurizio Piccioni - non so cosa ci troveremo davanti negli step successivi. Quando ci siamo ritirati ci siamo ritrovati davanti a scene difficili, una quantita' di signori che non sapevano come comportarsi, persone di 60-70 anni che gestivano le cucine del presidio che hanno una memorai storica della valle. Vderele cadere a stare male e' stata una scena tremenda''

''Ci hanno inseguito nei boschi - ha proseguito Francesco Richetto - perdere era una cosa prevista, non facciamo ne' i militari ne' la guerra, eravamo la' per difendere la valle e la reazione della valle e' stata immediata. Non non ci stanchiamo, la controparte lo deve sapere''.

''C'e' un punto che fuori dalla Valle di Susa non e' assolutamente chiaro - ha concluso per la Fiom, il segretario provinciale Federico Bellono - nonostante ricostruzioni spesso faziose e limitative che sono state fatte del movimento No Tav e' che questo resta un movimento popolare e chi pensa che sia diminuto il radicamento al terrirtorio fa un errore e le vicende di queste ore non cancellano il fatto che quel presidio e' diventato nelle settimane un punto di riferimento''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog