Cerca

Omicidio Meredith: Rudy, in casa c'erano Amanda e Raffaele, esiste una sola verita'/Il punto (3)

Cronaca

(Adnkronos) - L'altro detenuto di origini albanesi, ha detto di essere stato a conoscenza del fatto che Aviello doveva raccontare una storia inventata nell'ambito del procedimento e che lo stesso Aviello, una volta saputo che il teste era stato contattato dalla questura di Perugia, lo avrebbe minacciato di ''fargliela pagare'' se gli avesse ''messo i bastoni tra le ruote''.

Secondo Edda Mellas, la madre di Amanda Knox, il processo davanti alla corte d'assise d'appello ''sta andando bene e dopo la perizia sul Dna andra' ancora meglio''. Lo ha detto all'uscita dall'udienza parlando con i giornalisti presenti. Con riferimento alla deposizione di Rudy Guede, la madre di Amanda ha detto che ''e' un peccato perche' ha perso l'occasione di redimersi. E' un peccato - ha spiegato - perche' continua a mentire. Amanda voleva dirgli di rivelare la verita'. Se pensa che lei e Raffaele erano li' poteva dirlo chiaramente''.

''Il centro del processo avra' la sua svolta tra pochissimo, perche' entro giovedi' ci sara' il deposito della perizia genetica''. Ha detto invece l'avvocato Giulia Bongiorno, che insieme al collega Luca Maori difende Raffaele Sollecito, all'uscita dall'udienza di oggi a Perugia. ''Attendiamo con serenita' questa perizia - ha aggiunto l'onorevole Bongiorno - perche' il processo si deve fare sulla base di prove, non sul semplice pettegolezzo'', ha spiegato il legale riferendosi alle testimonianze di oggi che ha definito''stucchevoli''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog