Cerca

Tav: tutti assolti a Firenze in processo per danni ambientali

Cronaca

Firenze, 28 giu. - (Adnkronos) - Nel processo d'appello sono stati tutti assolti i 39 imputati per i danni ambientali compiuti durante i lavori in Mugello per la realizzazione della galleria dell'Alta velocita' ferroviaria tra Firenze e Bologna. A processo c'erano 38 persone piu' il consorzio Cavet.

La sentenza e' arrivata nella tarda serata di ieri, dopo molte ore di camera di consiglio nell'aula bunker di Firenze: la corte d'appello ha assolto il consorzio Cavet e 27 condannati in primo grado ed ha anche cancellato il maxi-risarcimento da 150 milioni di euro stabilito il 3 marzo 2009. Confermate le assoluzioni della prima sentenza. Soltanto tre imputati avranno l'obbligo di risarcire danni a enti locali e associazioni per cifre assai piu' modeste.

Il processo riguardava i danni ambientali causati dalle imprese del Cavet nell'eseguire i lavori per la nuova ferrovia dell'Alta velocita'. Tra i principali reati contestati, la gestione abusiva di discariche per i materiali di scavo e lo smaltimento illecito di rifiuti speciali. Una sentenza, quella della corte d'appello, che ''conferma la correttezza di Cavet'', ha commentato l'avvocato Nino D'Avirro, difensore del consorzio di imprese che ha operato ai lavori dell'Alta velocita' in Mugello. Nel processo di primo grado erano state inflitte pene da tre mesi a cinque anni per 27 imputati, piu' il maxi-risarcimento danni pari a 150 milioni al consorzio di societa'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog