Cerca

Salute: Buontempo (Destra), equilibrio tra prevenzione e repressione alcol

Cronaca

Roma, 28 giu. - (Adnkronos) - "Trovo questa pubblicazione molto utile e aggiornata. I dati che riporta sono importanti e rappresentano un punto di partenza per attivare un'azione di governo regionale. Allo stesso tempo, ritengo che il divieto assoluto della pubblicita' di bevande alcoliche produca un effetto boomerang. E' proprio il divieto, infatti, a incrementare il numero di giovani che utilizzano sostante che producono dipendenza, come l'alcol". Lo ha dichiarato l'assessore alla Tutela dei Consumatori Teodoro Buontempo, al termine dell'incontro sui risultati del primo rapporto sull'Osservatorio Regionale Alcol e Pubblicita' che si e' tenuto oggi presso la Regione Lazio.

"Il mio impegno - ha proseguito Buontempo - sara' quello di portare avanti un progetto dedicato all'educazione del bere. Coinvolgeremo universita' e scuole e tutti quegli ambienti frequentati dai giovani perche' e' soprattutto a loro che ci rivolgiamo. La pubblicita' del 'non bere' non fa altro che aumentare il numero dei bevitori. Dobbiamo insegnare ai nostri ragazzi la differenza che c'e' tra vino e birra, dobbiamo far comprendere quali sono le condizioni nelle quali si puo' bere e in quale quantita'. Un altro aspetto da non sottovalutare e' la razionalizzazione delle spese per la lotta al consumo di alcol. Occorre fare in modo che tra governo, regioni ed enti locali si definiscano dei progetti unici per un'azione sinergica sul territorio".

"Purtroppo - ha aggiunto l'assessore - la carenza legislativa in tema di alcolici consente un terreno fertile ai lobbisti. Come parlamentare ho proposto una legge per finanziare un fondo dedicato al prestito d'onore per i giovani, per dare loro l'opportunita' di scegliere, liberi da costrizioni economiche, la facolta' presso la quale iscriversi. Questo fondo sarebbe stato alimentato da una tassazione piu' alta destinata alle bibite che contengono un basso tasso alcolico e per questa ragione piu' vendute. Chi vuol bere deve pagare. Ma la proposta non passo' ne' con il governo di centro destra ne' con quello di centro sinistra. Oggi come assessore ai consumatori - ha concluso - sono felice di impegnarmi ancora una volta per ridurre l'abuso di alcol".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog