Cerca

Ddl Lavoro: Tomat (Confindustria Veneto), non ostile a imprese ma ci aspettavamo di piu'

Economia

0

Venezia, 11 apr. - (Adnkronos/Labitalia) - "Non rilevo ostilita' verso le imprese da parte del provvedimento del governo. Pero' occorre dire che le imprese si aspettavano qualcosa di piu' avanzato, in linea con i migliori standard europei". Il presidente di Confindustria Veneto, Andrea Tomat, commenta cosi' con LABITALIA la lettera scritta al 'Corriere della Sera' dall'ex ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, che parla di un ddl lavoro "che trasuda ostilita' verso le imprese".

"Che il mondo del lavoro avesse bisogno -sottolinea Tomat- di essere ripensato, in maniera profonda e moderna, lo chiedevamo da tempo. L'urgenza di questa riforma si e' fatta poi ancora piu' stringente con il perdurare della crisi economica. Il fatto che il governo abbia messo il tema al centro del dibattito politico e sociale e' senz'altro un segnale importante e positivo. Confindustria si e' presentata al tavolo con una proposta ampia, chiara e articolata ma allo stesso tempo aperta alla concertazione. E' necessario superare un sistema spesso farraginoso e poco flessibile -chiede Tomat- soprattutto in uscita, per permettere alle aziende di essere piu' dinamiche e competitive. Possiamo ricominciare a crescere ma attraverso nuove regole".

Il presidente degli industriali veneti, teme, pero', che "alcuni aspetti del provvedimento inizialmente ipotizzato dal governo siano stati eccessivamente limati, per non dire annacquati come rileva il Wall Street Journal". (segue)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media