Cerca

Turismo: Cagliari, in provincia dibattito sul potenziale di quello delle crociere (2)

Economia

0

(Adnkronos) - Ricordando che l'aumento di crocieristi verificatosi nel 2011 e' dovuto in parte all'instabilita' politica che ha portato alla chiusura momentanea del porto di Tunisi e di altri scali del nord Africa, ''situazione che potrebbe ripetersi anche quest'anno'', Massidda ha rilevato l'importanza dell'interponting, imbarco diretto da Cagliari, una sorta di home port che consente ai sardi di partire da qui e spinge i turisti italiani e stranieri a raggiungere Cagliari per imbarcarsi. Ha annunciato che, con un bando, si individuera' una societa' che sara' un punto di riferimento per tutti gli operatori del settore e gestira' il molo Rinascita che, dal 2014, sara' destinato solo alle crociere. ''La vera scommessa - ha concluso - e' creare la zona franca. Il porto storico al piu' presto deve diventare da diportismo''.

''Il porto di Cagliari - ha detto l'assessore al Turismo, Piero Comandini - e' una delle aree piu' strategiche del sud Sardegna. L'enorme potenzialita' del turismo crocieristico - ha sottolineato - i cui numeri non vengono inseriti nei flussi turistici tradizionali, e' legata al fatto che il turista, dopo la breve sosta, decida di tornare. E' necessaria percio' la costituzione di un tavolo che permetta anche agli enti pubblici di acquisire informazioni e conoscere le diverse tipologie di crocieristi''.

''Oggi abbiamo sentito riferire in consiglio - ha affermato la vice presidente vicario della Provincia Angela Quaquero che ha manifestato apprezzamento per il dibattito - di una prospettiva di turismo crocieristico e da diporto, di organizzazione dell'area portuale, di allargamento della stagione turistica, e cio' significa una prospettiva di lavoro''.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media