Cerca

Danza: applausi al Teatro Olimpico di Roma per il 'Paradiso' di Pellisari (2)

Spettacolo

0

(Adnkronos) - Lo stesso gioco spiazzante tra corpi umani e oggetti viene riproposto nella coreografia dedicata al mondo lunare, in cui i corpi si compenetrano con gli oggetti mostrando immagini di arti che fuoriescono da superfici solide; in un enorme quadro di Mondrian i quadrati colorati diventano tessere di un puzzle in continua trasformazione come nel gioco di Tetris; una grande tela bianca si taglia in tre facendo il verso a Fontana per poi portarsi all'estremo del pensiero dell'artista e trasformarsi in quattro vere e proprie sculture giganti. Come accade per gli spiriti che il Poeta incontra nel Cielo di Giove, i corpi dei danzatori formano le lettere dell'alfabeto componendo la frase che il pubblico deve leggere: ''Amate le giustizia, voi che giudicate il mondo''.

Corpi angelici si librano nell'aria per mezzo di palloni trasparenti, ruotando incessantemente attorno ad una sola sfera, simbolo della perfezione. Dietro ogni scena si nasconde un concetto, un'idea che lo spettatore potra' cogliere attraverso la simbologia o la semplice intuizione estetica.

Fa da sfondo al mondo astratto del Paradiso la musica classica contemporanea ed elettronica avantgarde tratta dalle suggestioni dei piu' famosi autori moderni: Ligeti, Terry Riley, Alvo Noto, Philip Glass, Cage, Nono, Berio, Grossi, Sciarrino, Stockhausen, Schoenberg, Scelsi, Brian Eno, Kraftwerk, Autechre, Steve Reich.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media