Cerca

Lega: Mauro resiste e non andra' in via Bellerio

Politica

0

Roma, 12 apr. (Adnkronos) - E' chiusa nel suo ufficio del Senato da stamattina presto, in contatto telefonico con via Bellerio. Con lei hanno parlato in tanti, a quanto si apprende avrebbe ritentato la via del dialogo lo stesso Umberto Bossi, ma Rosi Mauro non arretra di un passo, decisa a non rassegnare le dimissioni da vicepresidente del Senato. La 'pasionaria' continua ad assicurare di non aver preso un soldo, di essere in buona fede e di poterlo provare. Per questo, dice, non si dimettera'. Al consiglio federale di oggi, chiamato a decidere del suo futuro oltre che dell'espulsione, ormai certa, dell'ex tesoriere Francesco Belsito e dei provvedimenti disciplinari per Renzo Bossi, Mauro non ci sara'.

Restera' in Senato, ad attendere la pronuncia del massimo organo decisionale del Carroccio, di cui la stessa Mauro fa parte come uditrice senza diritto di voto. Se la 'nera' non dovesse arretrare dalle sue posizioni, lo stato maggiore del Carroccio dovrebbe optare per l'espulsione. Se invece Mauro decidesse di fare un passo indietro, allora per lei si aprirebbe uno spiraglio: la sospensione dal partito. Questo avrebbero tentato di farle capire diversi esponenti della Lega, ma Mauro sarebbe decisa a tenere ferma la barra e a non arretrare di un passo.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media