Cerca

Crisi: imprese e lavoratori sfilano insieme a Roma 'Silenziosamente' (2)

Cronaca

0

(Adnkronos) - "Tra le principali matrici di questo stato di cose possono essere annoverati - prosegue la nota -: i termini di pagamento nelle transazioni commerciali con la P.A. e tra privati, i quali, gia' lunghi in passato, si sono allungati a dismisura con l'avvento della crisi, con l'effetto di gravare in modo oramai non piu' sostenibile in modo particolare sulle Pmi, strutturalmente e finanziariamente piu' deboli; il credit crunch, che si manifesta sotto forma di razionamento del credito, innalzamento del suo costo e richiesta di garanzie piu' pesanti".

"Di fronte a questa situazione - prosegue la nota - imprese e lavoratori lanciano alcune proposte: impegnare gli Enti locali in una sorta di 'patto d'onore' nei confronti dei fornitori per garantire pagamenti regolari da qui in avanti e una piu' celere chiusura dei debiti pregressi; introdurre forme di compensazione tra crediti vantati dalle imprese nei confronti della P.A. e debiti di natura tributaria e contributiva a carico delle prime; concordare una 'moratoria' tra banche e imprese per assicurare il mantenimento delle linee di finanziamento a breve gia' erogate ed evitare il fenomeno di chiusura dei Fidi che rende difficile il finanziamento dell'attivita' corrente".

E, ancora, prosegue la nota, "ottimizzare e razionalizzare la filiera del credito ed evitare sovrapposizioni tra i diversi soggetti che intervengono nella intermediazione tra banche e imprese; valorizzare il sistema dei Confidi mediante il rafforzamento del loro patrimonio; favorire il venture capital nelle imprese di piu' piccola dimensione per ricapitalizzarle e renderle meno fragili nei confronti dei competitors. Su questi temi e' stato stilato un documento comune che sara' consegnato ai massimi vertici delle istituzioni nazionali e locali".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media