Cerca

Giglio: Rossi, con stesse regole traffico aereo non ci sarebbero gli 'inchini'

Cronaca

0

Isola del Giglio (Grosseto), 12 apr. (Adnkronos) - "Ci sono esperienze, come quella maturata dalla Marina svedese che coordina il progetto della Ue Monalisa (Motorways and Navigation by Intelligence at Sea) che mirano a limitare la discrezionalita' del comandante nello scegliere la rotta radar". Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, intervenendo all'Isola del Giglio al seminario europeo sulla sicurezza in mare, dove ha parlato della necessita' di nuove regole per limitare gli incidenti. Rossi e' arrivato sull'isola a 90 giorni dal naufragio della Costa Concordia, anche per ringraziare la popolazione per l'aiuto prestato alle migliaia di passeggeri vittime della tragedia del 13 gennaio scorso.

"Ho domandato agli esperti di un aeroporto toscano -ha aggiunto Rossi- se gli aerei seguono un piano di volo predeterminato. Mi hanno risposto che si', anche per voli brevi, il piano di volo viene stabilito prima, approvato dal Controllo traffico aereo. Ho chiesto se il comandante puo' decidere autonomamente improvvise deviazioni dal piano prestabilito. Mi e' stato risposto che in casi di cambiamenti serve sempre l'ok preventivo del Controllo del traffico aereo. Niente improvisazioni. Perche' questo non accade anche nel trasporto marittimo? E' vero che in mare il rischio di scontro con altre imbarcazioni e' minore, ma ci sono gli scogli, le petroliere e anche la nebbia. Con le regole dell'aria, non ci sarebbero neanche gli inchini".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media