Cerca

Cinema: Festival di Roma puo' partire, ripianati conti si va a firma con Mueller/il Punto (4)

Spettacolo

0

(Adnkronos) - Per Zingaretti, infine, nell'incontro fra i soci fondatori "non e' stato affrontato il contratto di Mueller. L'importante era che i soci si assumessero il debito. Ora ci sono le condizioni per ripartire, in teoria non ci sono ostacoli. Per quanto ci riguarda, pur non avendo condiviso la scelta di Mueller, le condizioni c'erano gia' tre mesi fa, non so perche' non si e' ripartiti prima".

Padrone di casa della riunione dei soci fondatori, svoltasi nella sede della Camera di Commercio di Roma, Giancarlo Cremonesi, che e' anche presidente dello stesso Collegio dei soci e, in quanto tale, sottolinea che la decisione sul ripianamento dei conti e' stata presa all'unanimita' e osserva che "questo impegno va nella direzione che avevamo auspicato come Camera di Commercio e soddisfa pienamente le aspettative di quanti si attendevano un provvedimento che garantisse la continuita' della kermesse cinematografica, diventata ormai un appuntamento irrinunciabile nel panorama nazionale e internazionale".

Da registare, infine, la seca smentita venuta in serata dal presidente dell'Anica, Riccardo Tozzi, sempre a proposito di indiscrezioni di stampa sulla possibilita' che la Regione abbandonasse la Fondazione per crearsi un suo festival, partner proprio l'Anica. Per Tozzi, "l'Anica e' impegnata a sostenere tutto il sistema italiano di festival. Ma non ha ne' il ruolo ne' le forze per organizzarne. Collabora intensamente con Venezia, e' pronta a dare tutto il suo sostegno a Roma e vuole sviluppare un rapporto con Torino. Vorrebbe anche appoggiare altre realta' presenti sul territorio che svolgono un ruolo importante, come e' stato per il recente Bif&st. Ma organizzare festival nuovi questo proprio no".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media