Cerca

Scuola: Torino, Prc lancia petizione contro privatizzazione dei nidi

Cronaca

0

Torino, 12 apr. - (Adnkronos) - E' iniziata oggi la raccolta firma di Rifondazione Comunista contro l'esternalizzazione dei 15 asili nido comunali e per chiedere un Consiglio Comunale aperto straordinario sul tema dei servizi educativi. ''La stragrande maggioranza dei cittadini torinesi - sottolinea Ezio Locatelli, segretario provinciale Prc Torino - e' contraria ad ogni ipotesi di privatizzazione o esternalizzazione dei servizi educativi destinati alla prima infanzia, perche' cio' significherebbe il peggioramento dell'offerta formativa per i bambini e delle condizioni di lavoro per educatrici e insegnati, oltre che un disagio per migliaia di famiglie''

''Torino - rimarca Luigi Saragnese, gia' assessore alle risorse educative - e' stata un esempio in Italia e non solo per la qualita' del servizio dei nidi comunali. Pensare di dismettere questo patrimonio di professionalita' e competenze e' opzione quanto mai scellerata. Bisogna infatti garantire una identita' pedagogica riconoscibile e una omogeneita' sulla qualita' offerta ai cittadini''.

'Il Comune - prosegue Beppe Castronovo ex presidente del Consiglio Comunale - deve assicurare la continuita' del servizio pubblico dei nidi e delle scuole comunali senza addurre ragioni di compatibilita' economica o la tagliola del patto di stabilita'. Le scelte sul bilancio qualificano l'operato di un'amministrazione: bisogna dunque considerare dove e come si spendono le risorse. La citta' puo' reperire risorse aggiuntive istituendo, eventualmente, una tassa di scopo e chiedendo al Governo di consentire anche a Torino di assumere personale a tempo determinato''. Infine, Silvia Pasqua, prima firmataria della petizione conclude che ''mantenere un alto livello e' necessario ed essenziale per una citta' che voglia investire sul futuro''

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media