Cerca

Tav: Saitta, opera consumera' solo poco piu' di 11 ettari di suolo libero

Cronaca

0

Torino, 13 apr. - (Adnkronos) - ''La Torino-Lione consumera' poco piu' di 11 ettari di suolo libero su 81 chilometri di tracciato italiano, perche' gran parte del percorso avverra' in galleria e anche le opere connesse insisteranno su zone gia' attualmente urbanizzate''. Lo ha ricordato il presidente della Provincia di Torino, Antonio Saitta, nel corso del convegno 'Territorio: maneggiare con cura', in cui si e' fatto il punto sul consumo del suolo nel territorio provinciale. Nel corso dell'incontro, in particolare, si e' rilevato che, complessivamento, per quanto riguarda le infrastrutture, la situazione del consumo di suolo e' in miglioramento in quanto rispetto ai fenomeni di urbanizzazione, le strade consumano circa il 5% del suolo.

''Complessivamente, poiche' la definizione dei percorsi ha gia' tenuto conto della tutela dei territori liberi, le grandi opere avranno un impatto sul consumo di suolo decisamente contenuto - ha spiegato Saitta - a cominciare dall'asse di Corso Marche, che, costituito da un'autostrada urbana sotterranea e da un viale di superficie sovrapposti, da realizzarsi in un contesto gia' estremamente urbanizzato, non avra' praticamente impatto sul consumo di suolo.

Per quanto riguarda, invece, la Tangenziale est e' previsto che consumera' circa 36,6 ettari per la tratta in superficie prevista, a fronte dei 152,6 ettari utilizzati dai Comuni nel periodo 2000-2010. ''Sono convinto tuttavia - ha concluso Saitta -che questa cifra possa essere ulteriormente ridotta con una progettazione attenta e con un'attenta valutazione delle soluzioni di tracciato migliori''.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media