Cerca

Appalti G8, sequestrati i beni ad Anemone: case e piscine per 32 milioni di euro

Cronaca

0

Roma, 13 apr. - (Adnkronos) - Beni mobili e immobili per un valore complessivo di 32 milioni di euro sono stati sequestrati all'imprenditore Diego Anemone, figura di primo piano nell'inchiesta per gli appalti G8, a sua moglie Vanessa Pascucci e a suo zio Luciano Anemone. Il sequestro disposto dal gip, Nicola Di Grazia su richiesta dei pubblici ministeri Roberto Felici, Ilario Calo' e Sabrina Calabretta e' stato eseguito dalla Guardia di Finanza. Il provvedimento e' stato disposto sulla base di documenti giunti a Roma da Perugia e Firenze dove sono in corso indagini sul G8.

Tra i beni sequestrati per ordine del magistrato, che procede per i reati di appropriazione indebita e riciclaggio, ci sono due palazzine contrassegnate con le lettere G e H e piscine loro annesse facenti parte della Societa' Sportiva Romana. Si trovano all'interno del comprensorio Salario Sport Village che fu oggetto gia' di sequestro quando furono organizzati a Roma i Mondiali di Nuoto. Il provvedimento adottato dal gruppo di magistrati coordinati dal procuratore aggiunto Alberto Caperna sara' presto all'attenzione del Tribunale del Riesame perche' i difensori di Anemone intendono chiedere il dissequestro dei beni essendo stato giudicato esorbitante il valore del patrimonio come fatto dagli inquirenti.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media