Cerca

Cinema: Ferrandelli scrive a regista Roberta Torre, non andare via da Palermo

Spettacolo

0

Palermo, 14 apr. - (Adnkronos) - "Roberta Torre, resta: lasciati convincere dalla Palermo che costruiremo insieme''. Lo scrive in una lettera Fabrizio Ferrandelli, candidato sindaco del centrosinistra a Palermo, inviata alla regista Roberta Torre che questa mattina, intervenendo dalle pagine di ''Repubblica'', ha annunciato la volonta' di andar via da Palermo.

"Cara Roberta ti scrivo cosi' ti distraggo un po'. Ma siccome sei troppo vicina, piu' forte ti scrivero'. Perdonami la citazione del grande Lucio ma la uso per dirti che cosi' mi ascolteranno tutti quelli che si sentono presi nella morsa del dolore per una citta' che rischia di scivolare in un abisso anonimo e incolore - scrive Ferrandelli - Dici che sei impegnata nel quinto trasloco in dieci anni e che ogni volta sei partita promettendo di non tornare mai piu'. Invece sei sempre tornata dicendo di restare per sempre. Palermo e' una citta' stregata. Per questo piace tanto agli artisti, stimola l'istinto visionario, la capacita', come dici tu, di vedere altri mondi nei vicoli. Palermo e' una madre feconda ma i suoi tanti figli, e' vero, meriterebbero di piu'. E penso anche a Emma Dante, per citare una grande artista della quale tu riferisci un disagio che, naturalmente, e' anche il nostro".

"Il tema della partenza, come sai, e' al centro non solo della mia campagna elettorale, ma della mia vita. Ho lavorato per rendere migliore la vita di gente che ha lasciato il proprio paese perche' laggiu' poteva soltanto morire. Ed e' venuta qui per sopravvivere, per dare un pezzo di futuro a bimbi altrimenti condannati - scrive ancora il candidato - Ho negli occhi le auto stracariche di poveri bagagli, le stanze affollate, i biglietti di treni o aerei, le facce bruciate dal sole degli sbarcati". (segue)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media