Cerca

Titanic: Massimo Polidoro, La prima catastrofe globale (3)

Cultura

0

(Adnkronos) - Nel corso degli anni sono stati oltre 5000 i pezzi ritrovati; dentro lo scafo hanno mandato delle sonde con dei piccoli robot collegati a videocamere. "La decisione dell'Unesco di tutelare il relitto come patrimonio culturale dovrebbe interrompere qualunque genere di prelievo di oggetti in forma arbitraria, com'e' avvenuto finora -sottolinea il segretario del Cicap- Nuove esplorazioni di tipo scientifico sicuramente ci saranno, a parte quanto sta accadendo in questi giorni, in cui sul posto vengono organizzate immersioni dedicate ai miliardari che hanno voglia di farsi un giro sul fondo dell'oceano".

Insomma, da quando hanno scoperto il relitto tutta la 'nebbia' si e' pian piano diradata. Ma la vicenda del Titanic, con tutte le sue implicazioni simboliche e richiami dell'attualita', come il naufragio della Concordia all'isola del Giglio del 13 gennaio scorso, e' uno di quei temi destinati a sopravvivere nella memoria collettiva. "Continuera' ad affascinare tutti in quanto prima catastrofe globale: il primo episodio documentato mentre accadeva, grazie al telegrafo. Mentre la nave stava affondando -afferma Polidoro- i marconisti hanno trasmesso, finche' hanno potuto, raccontando la tragedia".

In realta', dovevano essere solo un servizio commerciale per promuovere la nuova invenzione, mandando saluti e auguri tra i passeggeri. "Le loro segnalazioni non sono arrivate in tempo alla plancia di comando, perche' lasciate sul tavolo e considerate prive di importanza. O perche' il marconista della nave California, che incrociava le acque del Titanic, e' andato a dormire e non ha mai saputo, fino al giorno dopo, dei tentativi fatti per raggiungerlo. Poi fu la volta dell'incendio del dirigibile Hindemburg, avvenuto nel 1937". Ma questa e' un'altra tragedia.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media