Cerca

Mafia: arresti Palermo, candidato Pid avrebbe permesso infiltrazioni a Misilmeri

Cronaca

0

Palermo, 17 apr.- (Adnkronos) - Non era "organicamente inserito" in Cosa nostra ma Vincenzo Ganci, il candidato al consiglio comunale del Pid a Palermo arrestato all'alba di oggi dai Carabinieri nell'ambito dell'operazione 'Sisma' secondo il gip Luigi Petrucci avrebbe fornito al capomafia di Misilmeri Francesco Lo Gerfo "un contributo dotato di effettiva rilevanza causale ai fini del rafforzamento dell'associazione mafiosa e del piu' efficace raggiungimento dei suoi scopi criminali".

In particolare, Ganci avrebbe "consentito e contribuito affinche' Cosa nostra si infiltrasse nell'amministrazione comunale di Misilmeri" e di avere svolto "la funzione di anello di collegamento tra il capomafia Lo Gerfo e il Presidente del consiglio comunale, cosi' costituendo lo snodo centrale nella gestione della res publica a vantaggio dell'associazione mafiosa".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media