Cerca

Perugia: omicidio bancario, romeno in carcere confessa e racconta 'eravamo fatti di cocaina'

Cronaca

0

Perugia, 17 apr. (Adnkronos) - Aurel Rosu, il ventunenne arrestato il 16 marzo scorso insieme a Iulian Ghiorghita per l'omicidio del bancario di Perugia avvenuto durante una rapina in villa, ha confessato tutto ammettendo le sue responsabilita' e quelle degli altri due suoi connazionali rumeni. Lo ha fatto sabato scorso davanti ai pubblici ministeri titolari dell'indagine Antonella Duchini, Giuseppe Petrazzini e Mario Formisano. Aurel Rosu ha anche detto che i tre rapinatori (oltre a lui e Ghiorghita in carcere si trova Dorel Gheorghita, arrestato in Romania e poi etradato in Italia), erano ''fatti'' di cocaina.

Il verbale dell'interrogatorio e' stato prodotto stamane dalla procura nel corso dell'udienza davanti al tribunale del Riesame per la richiesta di revoca della misura cautelare in carcere presentata da Dorel Gheorghita. Fino ad ora avevano respinto le accuse per l'omicidio di Ramazzano. Solo Iulian Ghiorghita aveva ammesso di essere responsabile della rapina e dello stupro avvenuto il 3 febbraio scorso in una villetta a Resina, vicino Perugia insieme ad Aurel Rosu e a Catalin Simionescu.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media