Cerca

Animali: Coccia, stop alla mattanza dei cani in Ucraina

Cronaca

0

Roma, 17 apr. - (Adnkronos) - "La richiesta di parlare con l'ambasciatore ucraino a Roma per protestare contro l'imbarazzante situazione che vede il tentativo di eliminare dalle strade tutti i cani randagi, non ha avuto l'effetto sperato". Lo denuncia Federico Coccia, delegato del sindaco di Roma per la tutela degli animali che insieme alle associazioni animaliste (Lav, Enpa, Oipa, Avcpp ecc), in rappresentanza anche dell'assessore all'Ambiente Marco Visconti, si e' recato questa mattina presso la rappresentanza romana ucraina di via Guido d'Arezzo 9.

"Scandaloso e' il fatto che non solo l'ambasciatore non si e' presentato - sottolinea Coccia - ma ha delegato una signora la quale non era al corrente, a suo dire, della situazione da noi denunciata e con grande arroganza verso la nostra delegazione ha negato questa orribile realta' del loro Paese che all'attivo ha numerosa documentazione a testimonianza".

"Purtroppo conosciamo bene la situazione che da molto tempo vede cacciatori armati di fucile sparare in strada e fare strage di cani - precisa il delegato alla sicurezza animale di Roma Capitale - Se il primo ministro ucraino non prendera' posizione con un provvedimento urgente volto a bloccare questa incivile mattanza, annuncio fin d'ora che il 5 maggio faremo una grande manifestazione pacifica, in segno di protesta, alla quale sono invitati tutti coloro che hanno a cuore il benessere degli animali".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media