Cerca

Rinnovabili: manifestazione a Roma per salvare futuro delle energie pulite

Economia

0

Roma, 18 apr. - (Adnkronos) - "Siamo noi l'innovazione dell'Italia, siete voi la rovina dell'Italia", "Piu' rinnovabili, meno carbone": sono solo alcuni degli striscioni presenti alla manifestazione del settore rinnovabili che sta riempiendo la piazza di Montecitorio a Roma contro il tagli agli incentivi previsti dai decreti del ministero dello Sviluppo Economico. "Per la prima volta il mondo delle rinnovabili scende in piazza mostrando la sua forza e determinazione nell'impedire che nel nostro Paese si ponga fine allo sviluppo delle energie pulite", dichiara il vice presidente di Legambiente Edoardo Zanchini.

"Il Governo e in particolare il ministro Passera hanno sbagliato nel metodo approvando i decrerti senza alcun confronto con le associazioni di settore, e nel merito - aggiunge - perche' i testi sono pieni di impedimenti burocratici e di barriere agli investimenti che avrebbero l'effetto di fermare i successi realizzati in questi anni". La mobilitazione continuera' nelle prossime settimane per chiedere a Parlamento e amministrazioni regionali di impegnarsi per la modifica dei decreti, in particolare nel passaggio decisivo in conferenza Stato-Regioni.

Per Legambiente, infatti, ci sono tutte le condizioni per trovare un accordo che preveda l'eliminazione della burocrazia e degli extra costi per chi vuole realizzare gli impianti e al tempo stesso la garanzia di incentivi ridotti ma certi. "Proprio le fonti rinnovabili termiche ed elettriche, il risparmio e l'efficienza energetica sono la strada maestra per ridurre i costi delle bollette di famiglie e imprese - aggiunge Zanchini - Pare pero' che per il Governo la questione si sia ridotta unicamente ai tagli alle rinnovabili". Per Zanchini "oltre a rinviare per l'ennesima volta i decreti sulle rinnovabnili termiche, nessuna proposta sta arrivando dal ministro Passera o dall'Autorita' poer l'Energia per alleggerire le bollette degli italiani o per ridare speranza dopo il fallimento delle offerte biorarie", conclude.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media