Cerca

Tv digitale: Confalonieri, asta mossa da qualcosa di punitivo

Economia

Cologno Monzese (Mi), 18 apr. (Adnkronos) - L'asta ''e' mossa da qualcosa di punitivo''. E'...
0
Cologno Monzese (Mi), 18 apr. (Adnkronos) - L'asta ''e' mossa da qualcosa di punitivo''. E'...

Cologno Monzese (Mi), 18 apr. (Adnkronos) - L'asta ''e' mossa da qualcosa di punitivo''. E' quanto sostiene il presidente di Mediaset, che al termine dell'assemblea degli azionisti, torna a criticare lo stop del governo sulla assegnazione delle frequenze televisive, il cosiddetto beauty contest ribadendo come il termine gratis in realta' ''sia frutto di una campagna ossessiva, martellante, maniacale e disonesta nei confronti di quello che era un nostro diritto acquisito da decenni''. ''Gentiloni, da sempre, quando era ministro - osserva Confalonieri - voleva annientarci, ridurre il nostro mercato. Ora, di fatto, e' tornato ministro perche' queste sono le sue tesi''.

''Altrove le frequenze le danno gratis e non esistono aste al mondo - ha proseguito Confalonieri - qui da noi ogni giorno si fanno i gargarismi con la parola crescita ma quale crescita possono avere le due piu' importanti aziende televisive che investono con questo provvedimento?. Stando cosi' le cose - ha aggiunto - potrebbero partecipare all'asta solo Sky e La7 escludendo noi e la Rai.

''E' stato messo un tetto con dei concorrenti straforti - ha proseguito Confalonieri - che hanno entrature politiche migliori di noi e sono visti meglio di noi. Inutile girarci intorno - ha concluso - hanno voluto escludere noi e la Rai''.

Rispondendo ai giornalisti Confalonieri critica anche l'atteggiamento del ministro per lo Sviluppo Corrado Passera del quale ''ho un'eccelente opinione, lo conosco da tanto tempo, fin dai tempi della Mondadori, ha un curriculum eccellente. Siccome pero' - ha concluso - a volte anche i preti sbagliano a dire messa, in questo caso lui ha sbagliato''.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media